Per chi non è meccanico, il naso può aiutare a identificare sul nascere un malfunzionamento dell’auto. Perché alcuni inconvenienti ricordano gli odori della colazione

Proprio come l’orecchio, il naso è uno strumento fondamentale per scoprire se qualcosa non va quando ci si trova al volante di un’auto. Se alcuni malfunzionamenti della meccanica sono preceduti da un rumorino, altri si fanno annunciare da odori ben distinti, alcuni dei quali possono essere confusi con altri che siamo abituati a percepire in casa. Quel che conta è riuscire a identificarli appena si presentano, e per farlo non è necessario essere provetti meccanici.

Non sono pancake, è il radiatore che perde
Giusto per fare un esempio, non devono essere sottovalutati odori che ricordano una colazione all’americana. Un profumo dolciastro, che ricorda vagamente quello dello sciroppo d’acero che si cosparge sui pancake, per esempio, può essere generato dal liquido di raffreddamento che “frigge” sulle parti più calde del motore. Poiché di norma è inserito in un circuito sigillato, l’odore testimonia la presenza di un foro in un manicotto in gomma. I danni possono essere molto seri, quindi è meglio fermarsi per tempo per chiudere la falla o, meglio ancora, far sostituire il tubo n gomma danneggiato.

Aroma di toast? Occhio ai cavi
Un altro odore in stile breakfast è quello di un toast bruciacchiato. Poiché a bordo non c’è un tostapane, l’olezzo può provenire da un cavo elettrico che si sta fondendo. La causa può essere un cortocircuito, o più semplicemente la copertura isolante che si sta sciogliendo per le temperature elevate dopo essere entrato in contatto con le parti più calde del motore. In ogni caso è meglio affidarsi alle cure di un elettrauto.

Spray antifungo
Per rimanere in ambito casalingo, l’odore di funghi, o di umidità tipico delle cantine e degli ambienti poco aerati, può provenire dall’accumulo di acqua piovana sul pavimento per un’infiltrazione, oppure dalle muffe che si sono annidate nei condotti di ventilazione. Per il secondo caso basta spruzzare nelle bocchette un apposito spray disinfettante, per il primo bisogna invece prenotare un visita dal carrozziere per identificare e riparare la guarnizione danneggiata che lacia passare l’acqua.

Articoli BY:

valerioboni@coppiaperfetta.it

Sempre in moto, nel senso di movimento ma anche di veicolo motorizzato a due ruote, dal 1977. In oltre 40 anni ha percorso più volte il giro del mondo per provare tutto quanto abbia le ruote e/o un motore, per raccontarlo ai lettori delle riviste per cui lavora. Nonostante abbia superato la soglia dei 60 anni ha sempre il passaporto e uno zaino pronti per ogni evenienza, che puntualmente si verifica, sotto forma di inviti, più o meno convenzionali. Ha iniziato a lavorare con macchine da scrivere e telex, ma ha saputo surfare l’onda della tecnologia, prima da giovane freelance, poi da giornalista professionista nella redazione di un grande editore, e da cinque anni nuovamente libero, anche se non più teenager. La passione di Valerio sono le moto, non importa di quale cilindrata, da 50 a 1.800 cc, tuttavia per lavoro (e per piacere) guida tutte le auto più nuove appena escono. Senza trascurare biciclette, e-bike, quad, jetsky, camion, trattori, kart, motoscafi e (perché no?) bob e...

    Leave a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *