Divertirsi – a qualsiasi età – fa bene al sistema psico-fisico, anche in campo sessuale.
Tra l’altro i gadget erotici o sex-toys possono aiutare a risolvere attraverso il gioco alcuni problemi legati alla sessualità lamentati dalle donne, il più comune è la difficoltà a raggiungere l’orgasmo durante la penetrazione.

Questi problemi sono determinati dalla mancanza di consapevolezza di ciò che si sta manifestando nel proprio corpo e nella propria psiche, dovuto anche alla scarsa conoscenza delle informazioni che possono far raggiungere il benessere sessuale.

LaWorld Association for Sexual Health (WAS), tra l’altro, dichiara che: “i diritti sessuali sono basati sui diritti umani universali riconosciuti nei documenti internazionali. Riconosce che la sessualità è una fonte di piacere e benessere e contribuisce a un senso di realizzazione e soddisfazione generale”.

I sex toys al tempo della pandemia

I gadget erotici possono aiutare a bypassare le limitazioni che vengono consigliate in questo momento di pandemia.

E sono stati sdoganati: non si trovano soltanto nei sex-shop ma alcuni sono arrivati da anni in farmacia, aperte anche durante la pandemia e nei negozi di biancheria intima più sexy.

Infatti sono anche uno strumento di educazione sessuale. Tra un acquisto di cerotti, dentifrici e sandali ortopedici – in un’area distinta dai farmaci – è possibile trovare in farmacia e parafarmacia i vibromassaggiatori.

È vero che aiutano ad alleviare i dolori cervicali, ma in realtà lo scopo è diverso e rientra principalmente nei giochi erotici studiati per soddisfare la persona singola o per essere usati in coppia come diversivo durante gli incontri d’amore.

Una po’ di storia

In realtà questo strumento di piacere – che ha ben cento anni di vita – nacque in Inghilterra proprio per motivi medici, in altre parole per curare l’isteria e la nevrosi femminile (allora confusa con uno stato eccitatorio).

Il film Histeria, raccontando il primo vibratore, lo trasforma in un simpatico e interessante specchio dell’epoca.

Se la vendita dei dildo in farmacia può conferire un’aura d’igiene e serietà all’oggetto, dove sta allora la trasgressione?

Non tutti i farmacisti sono d’accordo ad acquistarli. Sono più propensi ad accettare mini-gadget abbinati ai preservativi.

Nel loro espositore, infatti, possono trovare posto, insieme a varietà di condom di tutti i tipi, anche gli anelli che applica l’uomo al fine di trasmettere piacevoli vibrazioni.

Un’ampia scelta

La varietà di sex toys oggi è davvero ampia, per tutte le zone erogene e per tutti i gusti con design accattivanti, ma possono anche essere uno strumento di educazione sessuale per adulti.

Ne è paladina “La Valigia rossa”, un’associazione spagnola presente anche in Italia che organizza riunioni in casa per spiegare i propri oggetti, come funziona la sessualità, come conoscere il proprio corpo e migliorare la vita sessuale.

Infatti, come si legge su Sessuologia News del Centro Italiano di Sessuologia
Mentre i dibattiti circa l’educazione sessuale degli adolescenti persistono negli Stati Uniti, poca attenzione è stata dedicata all’educazione sessuale per gli adulti.

La ricerca suggerisce che momenti d’insegnamento possono essere presenti nelle interazioni tra adulti dipendenti di librerie e consumatori che fanno acquisti in questi luoghi.

Uno studio americano ha voluto esplorare la possibilità che gli incontri in casa sui sex-toys siano una via per l’educazione sessuale rivolta a donne adulte.

Un gruppo di 1197 donne che organizzano questi incontri per conto di una grande società americana, ha completato un questionario online legato alle loro esperienze nel promuovere questi incontri.

L’aspetto più saliente, emerso dall’indagine, rivela che gli incontri a casa sui sex toys possono fornire una via aggiuntiva attraverso la quale aumentare l’alfabetizzazione sessuale degli adulti”.

www.sensidelviaggio.it

Articoli BY:

cbchiachia7@gmail.com

A una lunga carriera come giornalista professionista, esperta nell’area della psiche e del benessere, ha affiancato il lavoro di counselor in sessuologia. Laureata in Scienze Politiche indirizzo politico-sociale all’Università Statale di Milano, è stata assistente Psicologa all’Università Cattolica di Milano, e Direttore di psicodramma moreniano. È particolarmente esperta su difficoltà individuali e di coppia: disturbi del desiderio e da dolore sessuale, anorgasmia, eiaculazione precoce, disfunzioni erettili, dipendenze e problemi relazionali

    Leave a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *