Dirlo con una crema pasticciera, perché no?
L’occasione è buona, specialmente se fate parte di quelli che il pandoro lo mangiano tagliato in orizzontale e amano accompagnare la forma a stella a otto punte con una salsa capace di moltiplicare all’ennesima potenza la dolcezza e la morbidezza dei sentori di burro e vaniglia che caratterizzano il sofficissimo pan de oro.

La crema dalle delicate note di frutta è scioglievole e con la sua consistenza vellutata ben si abbina all’arioso e filante pandoro. I due sapori si rincorrono suadenti sul palato e sono quindi perfetti per un dessert sensuale da assaporare têteàtête.

Io preparo sempre la mia crema pasticciera al frutto della passione per l’ultimo dell’anno, sulla mia tavola ha un posto d’onore sia per chiudere con un po’ di sogno esotico la cena del 31 sia per far fare il botto alle papille gustative accompagnando con un sapore vivace le bollicine del brindisi all’anno nuovo.

Trifle

Se poi ve ne avanzasse un po’, la vostra salsa dolce al frutto della passione potete usarla anche il giorno dopo per preparare un Trifle, un dessert da cucchiaio della tradizione anglosassone rinascimentale. In pratica, è un delizioso dolce del riciclo, fatto strati di avanzi di pandoro e di crema pasticciera che si alternano dentro un bicchierino monoporzione.

Ingredienti

80 gr. di succo frutto passione filtrato (6 frutti della passione)
4 cucchiai pieni di zucchero
2 tuorli
2 cucchiai di farina
200 gr. di latte

Preparazione

Dividete a metà i frutti della passione, estraete la polpa e passatela al colino (quella che resta nel colino passatela in una garza).
Unire il succo al latte precedentemente scaldato. Sbattete i tuorli con lo zucchero e fateli diventare spumosi.
Aggiungete prima la farina e poi il mix di latte e succo di frutto della passione.
Mescolate con le fruste. Mettete sul fuoco e fate restringere la crema, sempre mescolando il composto con le fruste.
Coprire con la pellicola. Fate raffreddare la crema.

Articoli BY:

lababibionda@gmail.com

Barbara Dimasi, detta Babi, chef per passione e autrice del blog di ricette “Tutto condito con amore”. Nata a Borgio Verezzi, incantevole paesino ligure, è laureata in Marketing e comunicazione, parla cinque lingue e, pure essendo un’instancabile globettrotter e parte della famiglia a Melbourne, in Australia, come punto fermo nel mondo ha scelto Milano. Cresciuta a pane e cibo sano, ha ereditato la passione per la cucina da nonne, padre e madre. A 7 anni ha preparato la sua prima ghiottoneria: fagiolini al sugo, un must dei racconti di famiglia perché, nonostante non li avesse fatti bollire, i suoi genitori li avevano mangiati fingendo che fossero il cibo degli dei! Oggi si divide tra un lavoro impegnativo che adora e la grande passione per la cucina che occupa gran parte del suo tempo libero. Le piace condividere le sue creazioni ai fornelli con i suoi amici e ovviamente con suo marito che è la sua adorata “cavia”. (PS Lui apprezza questa divisione di ruoli).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *