Aperitivo in casa: stupisci il tuo partner sfoggiando la tua cultura musicale da intellettuale con tre brani che creano un’atmosfera ad alta seduzione

“Come and be Joyful” di The Hamrahlid Choir
Un coro? Voce maestose, vette vocali sublimi, intrecci epici, canzoni che evocano panorami fiabeschi, nebbie azzurrine all’alba e la sempre affascinante mitologia nordica.

Qui sono ambientate le canzoni del coro, un ensemble islandese che, a dispetto della sua provenienza (o, forse, proprio per questo), sarebbe in grado di sciogliere il più grande degli iceberg.

Non un solo brano, in questo caso, ma l’album intero, opera di “new folklore” che si sposa perfettamente con la voglia di casa, camino ardente, maglioni con le alci.

Un universo sonoro nel quale si è formata la giovane Bjork, che di questo coro, prima di diventare una superstar, ha fatto parte, adesso pronto per fare da sfondo al più intellettuale degli aperitivi.

 

“Tripping with Nils Frahm” di Nils Frahm
Anche in questo caso consigliamo di lasciare tutto il disco in sottofondo perché si tratta di una lunga partitura, una “suite” circolare che, come suggerisce il titolo, farà di voi e della persona da sedurre i protagonisti di un “viaggio” senza tempo.

Rischierete di perdervi nello spazio, certo, ascoltando le melodie soavi di Nils Frahm, giovane virtuoso del pianoforte, una registrazione dal vivo estratta da un concerto di quattro ore che vi farà sentire unici.

Musica che agisce sullo spirito, che crea benessere. E che, inevitabilmente, riverbera i suoi benefici effetti sul linguaggio del corpo.

 

“Some Kind of Peace” di Olafur Arnalds
Ancora nord Europa, ancora Islanda, un altro consiglio da tenere come colonna sonora per intero, perché “Some Kind of Piece” è uno di quei dischi che sembrano non finire mai e le sue melodie cristalline, eteree, generate dal compositore Olafur Arnalds, fanno da sfondo a un pomeriggio che, quasi senza che ve ne accorgiate, diventa sera e poi notte e poi giorno.

Un lavoro fragile, delicatissimo, che vi ispirerà parole soffuse e toni molto intimi e che potrà persino parlare, con la gioia delle partiture, al vostro posto.

Articoli BY:

pieropacoda@gmail.com

Critico musicale e saggista di occupa di linguaggi e culture giovanili con una attenzione particolare per la musica e gli stili di vita, Intorno a questo gravitano i suoi libri, da ‘Sulle rotte del rave’ (Feltrinelli) a ‘Riviera Club Culture’ (NDA), da ‘Hip hop italiano’ (Einaudi) a ‘Potere alla parola’ (Feltrinelli) e ‘La rivolta dello stile’ ( Alet, con l’antropologo americano Ted Polhemus) Per Touring Editore ha pubblicato ‘Un viaggio a…Ibiza! (2010) Ha scritto la voce ‘Techno’ per l’Enciclopedia generale della musica Einaudi. Tiene regolarmente conferenze sulla relazione tra la musica e le trasformazioni sociali. È l’ideatore e il direttore artistico della rassegna ArtRockMuseum, format di parole e concerti ospitata dal Museo della Città di Bologna. Collabora con Atlante, il magazine della Treccani. Leccese, vive a lavora a Bologna, dove scrive per Il Resto del Carlino

    Leave a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *