La palla medica è uno dei wellness-tool più completi ed è tornata prepotentemente in “gioco”.

Parecchi sogghigneranno, ma attenzione non si tratta affatto di qualcosa con cui allenarsi in modo soft, in alcuni test realizzati da me basandomi su movimenti con la palla medica, atleti agonisti di diverse discipline ne sono usciti devastati.

Questo attrezzo è un po’ come la famosa penna “Bic”, che esisteva prima che molti di noi venissero al mondo ma che per semplicità rasenta ad oggi la perfezione. Come la penna Bic, la genialità del concetto è la sintesi del tutto in uno.

Ed è così

Da un lato consente a un trainer d’eccellenza di realizzare un programma d’allenamento di alto profilo, dall’altro può diventare una palestra trasportabile che va oltre manubri e bilancieri, decisamente meno agevoli nel trasporto veloce.

Una medicine ball si può buttare dentro la nostra city-car e, se pulita e di un colore acceso, diventa pure un bell’accessorio.

La palla, calibrata nel peso secondo le proprie forze/capacità, è un must sia per il training in palestra sia per l’home-fitness.

Palla medica 1930

Caratteristiche essenziali:

Semplicità (non è che una sfera zavorrata con della sabbia);

Praticità (occupa poco spazio ed è utilizzabile a casa come in palestra);

È ancora “trendy” (nonostante i suoi cent’anni suonati).

E qui tornano i sogghigni dei puristi della super-tecnologia a ogni costo: trendy perché, dopo essere sparita per un po’, sostituita da macchine che in qualche circostanza hanno standardizzato troppo il movimento, è tornata alla ribalta grazie al boom del functional training, che prevede in qualche passaggio l’utilizzo della palla medica riproducendo sequenze di gesti dinamici che eseguiamo normalmente.

Perciò, nulla può essere più reinventato, più divertente, più improvvisato (su capisaldi tecnici ben definiti) di una lezione di training con la palla medica.

Questa sfera magica ed economica arrivata dal passato, riattualizza il nostro approccio alla forma e ci accompagna in questi periodi complicati. Periodi dove il fitness, pur avendo come centro di riferimento le palestre che speriamo ripartano, è ancor più diffuso e raggiunge fasce di utenti nei luoghi ormai più improvvisati.

Per concludere, esistono diversi tipi di palla medica

Realizzata in pelle, oppure in vinile, il peso di quella più comune varia da 500 grammi a 17 kg.

La scelta del carico giusto, però, deve essere fatta in base a quali sono gli obiettivi del nostro allenamento: se vogliamo allenare la velocità occorre puntare su quelle più leggere.

Altrimenti, per la potenza, meglio orientarci su quelle più pesanti. Ad ogni modo, le palle mediche più versatili sono quelle che pesano 2-4 kg e costano circa 30-50 euro. Buona palla a tutti!

Roberto Romano, Brand Manager Walkstreet for fitness www.walkstreet.it

Articoli BY:

robyromano@hotmail.com

Laureato in relazioni pubbliche allo IULM, nella vita mi divido tra la scrittura di articoli di fitness come blogger e come contributor per magazine nazionali – tra cui Il Sole 24 Ore Sport, Vanity Fair, Sorrisi & Canzoni, Men’s Health e Starbene - attraverso i quali divulgo la cultura dello stare in forma, e la riorganizzazione gestionale di centri fitness e il recupero di impianti sportivi in difficoltà in qualità di gym manager. Quando ero un modello allenato e sportivo ho studiato esercizi e tecniche di allenamento che oggi costituiscono il patrimonio che trasmetto tutti i giorni ai personaggi del mondo della moda, della tv, dello spettacolo e della finanza che seguo one-to-one come coach-trainer e alle migliaia di persone che mi leggono sui magazine e sul mio sito (www.ptonline.it). La mia fitness-philosophy con le mie opinioni sull’universo fitness adesso è anche su Coppiaperfetta. Stay tuned.

    Leave a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *