Autentica e bianca. Così apparve questa Masseria dalla storia antica, nascosta tra gli ulivi millenari nei dintorni di Ostuni, alla coppia in cerca di un posto speciale dove cominciare una nuova vita. Sono passati 29 anni da allora e il sogno si è realizzato alla Masseria Il Frantoio che è oggi casa, albergo, famiglia e comunità, un microcosmo dove assaporare la Puglia, in tutti i sensi.

L’edificio, parzialmente in rovina per i lunghi anni di abbandono, è stato ristrutturato dai nuovi proprietari, rispettando le sue caratteristiche originali. Arredi, oggetti, utensili e tutto ciò che è stato ritrovato tra le vecchie mura, sono stati restaurati e conservati per donare alla dimora un’atmosfera casalinga e fuori dal tempo.

La posizione

La Masseria il Frantoio, una fattoria del XVI secolo, sorge su un antico frantoio ipogeo di Ostuni. Le ristrutturazioni che si sono susseguite nei secoli, fino alla recente trasformazione in boutique hotel e dimora di charme, hanno tenuto conto della tradizione storica del luogo, con lo scopo di mantenere uno stile autentico e originario.

La Masseria è circondata da 72 ettari di uliveto millenario coltivato biologicamente dal 2004, affiancato da piante di carrubo, querce, cipressi e pini, alberi di limone, aranci e cedri: un paesaggio salentino rimasto intatto da 500 anni, solcato da dolci sentieri all’ombra della macchia mediterranea, con la vista del luccicante orizzonte marino in lontananza.

Per la sua posizione strategica lungo la spettacolare Statale 16, che collega Fasano a Ostuni, passando attraverso una campagna pittoresca, questa dimora è punto di partenza ideale per scoprire le bellezze della regione, sia culturali sia naturalistiche. Bastano difatti pochi chilometri per visitare la bellissima città di Lecce, i caratteristici trulli di Alberobello nella Valle d’Itria, i centri storici di Cisternino, Martina Franca e Locorotondo. Per gli amanti del mare e del relax sulla sabbia, le spiagge attrezzate più vicine sono a qualche minuto di auto (Savelletri di Fasano), con la possibilità di scegliere tra quattro strutture convenzionate con lettino e ombrellone gratuiti per gli ospiti della Masseria.

Per i cultori delle 18 buche, il San Domenico Golf Club di Savelletri, non molto distante rappresenta un’occasione per una partita a golf vista mare, tra l’area archeologica di un’antica colonia greca e un villaggio di pescatori insieme con altri 4 campi da golf, tutti nel raggio di massimo 100 km.

Le camere

Le 18 camere disponibili sono immerse nella campagna, con vista sul paesaggio caratterizzato dai maestosi ulivi millenari. Le stanze sono state ricavate nelle parti ottocentesche della dimora, attraverso una fedele ristrutturazione dell’antico corpo: il fil-rouge con la tradizione è rappresentato dal mobilio in stile d’epoca, dagli antichi pavimenti, dalle alte volte e dai letti di ferro battuto, che permettono di ricreare l’atmosfera e lo stile autentico delle originarie abitazioni rurali. Quattro le diverse tipologie di camere eleganti e confortevoli, arredate e decorate con gusto, tutte con bagno privato e riscaldamento autonomo: classic (semplici ma raffinate, per una o due persone), superior (con vista sui giardini o su corti private, per due o tre persone) family (per ospitare da due a cinque persone) e privilege per chi desidera una coccola in più. Le stanze sono tutte anallergiche, dotate di frigobar e del servizio Wi-Fi gratuito.

I servizi

La Masseria ha una piscina con acqua salata, sei giardini per il riposo, una sala della musica, una sala lettura e svariati altri salotti per il relax. Per gli ospiti a disposizione: biciclette, wi-fi gratuito, servizio conciergerie, sala TV, due zone bar.

La cucina

La cucina della Masseria propone piatti della tradizione salentina ma molto originali e sofisticati, curati nei minimi dettagli, dalla scelta delle materie prime, biologiche e a km zero, ai condimenti, alla presentazione dei piatti.

I prodotti, del tutto freschi e stagionali, tra cui le decine di fiori ed erbe selvatiche, raccolti all’interno della tenuta e cucinati in modo fantasioso, provengono tutti dalla Masseria e sono Presidio Slow Food.

La produzione proviene interamente da agricoltura biologica e si basa principalmente su quattro varietà di olii extravergini, anche DOP, provenienti dell’uliveto della tenuta. La Masseria offre anche un’ottima carta dei vini con una scelta di 75 vini pugliesi, sia dolci sia secchi, alcuni dei quali provengono da vitigni oggi molto rari.

Le sale da pranzo, aperto anche agli ospiti che non alloggiano in Masseria, ha circa 60 coperti, sia zona interna sia esterna: la sala, dai muri in pietra con due caminetti sempre accesi nella stagione invernale, offre un ambiente intimo e casalingo ma di grande charme ed eleganza; l’antica corte esterna, immersa tra i fiori e i profumi, è invece la cornice delle cene primaverili ed estive a lume di candela.

La produzione culinaria e agricola

Il Frantoio produce e distribuisce a proprio marchio una serie di prodotti gastronomici pugliesi. I 72 ettari di uliveto producono quattro qualità di olio extravergine biologico: Olio Pendici (bassa acidità e alte qualità organolettiche); Olio degli Dei (ottenuto dalla spremitura di olive senza nocciolo); Olio in purezza Leccina (annoverato nel 2009 tra i migliori olii extravergine italiani dalla guida Slow Food) e Olio DOP Trecolline che al Biol 2013 si è aggiudicato la medaglia d’argento (fruttato, ideale per condire insalate, friggere o per cucinare la carne).

Ultimo arrivato nella famiglia degli extravergini il “Tangere Stellas”, pensato per offrire un olio top di gamma in occasione della celebrazione dei 25 anni di apertura della Masseria il Frantoio come agriturismo. Il nome deriva dall’origine latina della famiglia fondatrice e proprietaria per oltre 500 anni. Il “Tangere Stellas” è stato premiato con l’ExtraGold Medal a Biol 2018.

Accanto all’olio, non mancano confetture, fave fritte, taralli, mandorle tostate e altre prelibatezze dolci e salate, realizzate con le materie prime biologiche coltivate nella tenuta.

Da degustare la proposta di rosoli fatti in casa, tra cui quello di ulivo, realizzato secondo un’antica ricetta segreta ritrovata in un vecchio documento all’interno della Masseria.

Sito Web

Articoli BY:

aleluongo@tiscali.it

Alessandro Luongo è nato a Taranto il 12 luglio 1962. Si laurea in Filosofia con orientamento psicologico alla Statale di Milano, dove inizia a tracciare la sua teoria del "pensiero motorio". Lavora come giornalista per i principali gruppi editoriali nazionali (Rizzoli, Mondadori), scrive in particolare per il Corriere della Sera e vanta un'esperienza come autore televisivo in due produzione Rai2, di cui una realizzata in Arizona, nel 2006. E’ single, ma spera di trovare l’anima gemella con Coppiaperfetta.it.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *