La tendenza dei prossimi mesi sarà avere il ristorante nelle proprie case, dato il cambio di abitudini (forzate) di questi mesi. Così i piatti pronti non saranno un esclusivo privilegio di chi prenota il posto al ristorante, che ha dovuto distanziare i tavoli e quindi dimezzare la disponibilità. Insomma, se il cliente non va al ristorante, è il ristorante che va a casa del cliente. Che, insieme alla pizza o alla cena, spesso riceve in omaggio dei goodies come una confezione di taralli o un bigliettino che spiega come riscaldare la pizza o servire al meglio la cena.

Tra i primi a cavalcare quest’onda è stato Adriano Gigante, campano di 45 anni, titolare di Mamma Oliva a Milano (in via Battistotti Sassi e in via Vincenzo Monti), che di recente ha lanciato la sua home delivery di quartiere. Non si tratta della solita consegna a domicilio, ma di una rivoluzione dei costumi quella intrapresa dall’imprenditore che è stato uno dei pionieri del gruppo Fratelli La Bufala, colosso delle pizzerie a livello nazionale e internazionale.

Adriano Gigante vuole portare il ristorante nelle case con passione, amore, calore e gentilezza, con i suoi rider e con attenzione alla selezione delle materie prime, cosa che fa già nella scelta dei suoi menu. «Per il lancio del delivery abbiamo regalato pizze e altre sfiziosità a circa 150 famiglie», racconta Gigante, «andando a suonare di persona i citofoni delle vie nei dintorni».

Mamma Oliva è da sempre un modello d’innovazione sia nella selezione delle materie prime sia nell’arredo realizzato in prevalenza legno e materiali naturali. «Siamo stati fra i primi anche a proporre già dal 2008 le pizze regionali tipiche, come la ligure, la pugliese, la toscana, e a puntare sulla cucina mediterranea e sul biologico, collaborando con piccole aziende e utilizzando prodotti certificati».

Ora la chiave di volta è il servizio al cliente dal risveglio alla sera.
«Il mattino presto consegniamo cornetti ripieni di nutella e casatielli napoletani», spiega Adriano.

Per il pranzo Mamma Oliva ha studiato un menu con piatti pronti o da cuocere, compresi la frutta, il dolce e persino il pane fatto nel forno a legna. A proposito del menu del pranzo, un esempio è ragù e pasta per due da cuocere, con tanto d’indicazioni, più polpette al sugo e parmigiana di melanzane.

Tra le possibilità della home delivery quotidiana non manca neanche l’aperitivo. «Vogliamo offrire un servizio completo nelle case dei nostri clienti», conclude Adriano Gentile.

Una fucina d’idee, insomma, proprio dove un tempo c’erano gli stabilimenti della gloriosa Motta. Adriano difatti ci mostra la foto originale degli anni ’70, «quando qui sfornavano i panettoni e i buondì».

Articoli BY:

aleluongo@tiscali.it

Alessandro Luongo è nato a Taranto il 12 luglio 1962. Si laurea in Filosofia con orientamento psicologico alla Statale di Milano, dove inizia a tracciare la sua teoria del "pensiero motorio". Lavora come giornalista per i principali gruppi editoriali nazionali (Rizzoli, Mondadori), scrive in particolare per il Corriere della Sera e vanta un'esperienza come autore televisivo in due produzione Rai2, di cui una realizzata in Arizona, nel 2006. E’ single, ma spera di trovare l’anima gemella con Coppiaperfetta.it.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *