Per creare l’atmosfera (e far bella figura sfoggiando i vostri gusti musicali) provate con la top five di voci femminili molto coinvolgenti

1 Nina Simone – Fodder on my Wings
L’inarrivabile, struggente voce della diva soul jazz per eccellenza, Nina Simone, ci restituisce le atmosfere fumose, peccaminose dei club di Harlem. Una raccolta di canzoni sino a oggi introvabile, registrazioni preziose ripubblicate per farsi sedurre da composizioni che parlano della vita come solo questa grande artista sapeva fare. Momento più intenso, la sua improvvisazione vocale sulla musica di Alone Again di Gilbert O’Sullivan

2 Soko – Feel Feelings
La canzone francese ha trovato una nuova interprete capace di ammaliare con la sua voce e i suoi racconti ambientati in un mondo fantastico. Soko racconta di relazione perfette, di come riuscire a proiettare la propria personalità su quella della persona con la quale si desidera unirsi.  Sia fugacemente, sia per costruire una relazione stabile. E lo fa immaginando un universo dove le lei e i “lui” sono personaggi di peluche, amorevoli pupazzi, attraverso i quali sperimentare le nostre tecniche di seduzione

3 Anna of the North – Lovers
La nuova reginetta del pop che arriva dalla Norvegia, Anna of the North, dopo aver fatto innamorare con la sua voce suadente, rapper superstar come Tyler the Creator, ci accompagna in un viaggio alla scoperta delle piccole delizie quotidiane. Ingenuità apparente, melodie sognanti, l’artista costruisce intorno all’incontro una zona confortevole, dolce, dove però, quando meno ce lo aspettiamo, irrompe una malizia giovanile che cambia le regole del gioco

4 Jehnny Beth – To Love is to Live
Una artista al suo esordio discografico, che arriva dopo una serie di video diretti dal regista della serie Peaky Blinders, Anthony Byrne. La giovane cantante francese è la nuova frontiera della sensualità. Nel brano scelto come singolo, Flowers, racconta la storia di una pole dancer del noto strip club Jumbo’s Clown Room di Los Angeles. E ci rende protagonisti delle sensazioni e delle emozioni della stripper, consapevole del suo dominio sui desideri degli altri. Anche quelli inconfessabili

5 Christine and the Queens – La vita nuova
Nome nuovo, ma già molto amato, Christine ha la capacità di unire i ritmi sintetici degli strumenti elettronici con una voce calda, avvolgente, che, come in questo suo nuovo disco, cambia in continuazione. Passando dalla più cristallina delle melodie a una frenesia disco che arriva all’improvviso e che potrebbe cambiare il corso della serata. Specie se l’ascolto è accompagnato dalla visione del lungometraggio realizzato per l’occasione, girato nello splendido teatro Opéra Garnier di Parigi, con i ballerini che rappresentano le loro coreografie sul palco, sul tetto, sino alle irresistibili movenze disco.

Articoli BY:

pieropacoda@gmail.com

Critico musicale e saggista di occupa di linguaggi e culture giovanili con una attenzione particolare per la musica e gli stili di vita, Intorno a questo gravitano i suoi libri, da ‘Sulle rotte del rave’ (Feltrinelli) a ‘Riviera Club Culture’ (NDA), da ‘Hip hop italiano’ (Einaudi) a ‘Potere alla parola’ (Feltrinelli) e ‘La rivolta dello stile’ ( Alet, con l’antropologo americano Ted Polhemus) Per Touring Editore ha pubblicato ‘Un viaggio a…Ibiza! (2010) Ha scritto la voce ‘Techno’ per l’Enciclopedia generale della musica Einaudi. Tiene regolarmente conferenze sulla relazione tra la musica e le trasformazioni sociali. È l’ideatore e il direttore artistico della rassegna ArtRockMuseum, format di parole e concerti ospitata dal Museo della Città di Bologna. Collabora con Atlante, il magazine della Treccani. Leccese, vive a lavora a Bologna, dove scrive per Il Resto del Carlino

    Leave a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *