Con i patiti del ciclismo rinchiusi come tutti, si aprono interessanti opportunità per le compagne fino a ieri relegate al ruolo di Penelope in attesa. I rulli da allenamento possono fare miracoli.

La reclusione obbligata a livello globale offre l’opportunità di scoprire che alcuni luoghi comuni possono essere facilmente smontati. Partendo da uno tra i più radicati: lo sport, quello attivo, fa male alla vita di coppia. In realtà l’assenza di eventi sportivi riduce anche l’effetto di quelli passivi, visto che ormai le TV non sanno più come mandare in onda le repliche delle poche vittorie italiane ai mondiali di calcio, quindi anche i più pigri cercano alternative alle poco avvincenti telecronache (sempre in replica) di gare di bocce o biliardo.

Nella classifica degli sport che più favoriscono il rapporto di una coppia che condivide la stessa abitazione è il ciclismo. I fanatici della “sgambatina” di una sessantina di chilometri sono inchiodati in casa, ma non per questo rinunciano all’attività preferita in versione indoor, con la bicicletta montata sui rulli da allenamento. Non è esattamente la stessa cosa, ma con l’aiuto di un ventilatore, di un televisore o della musica preferita si ottiene un interessante surrogato.

Va bene, ma la coppia? Per alimentare la complicità è sufficiente investire un centinaio di euro e ordinare online (su Amazon per esempio) altri rulli, bastano i più economici. Una volta ricevuto il pacco a casa bisogna solo trovare una bicicletta, una qualunque, anche una vecchia da donna o una pieghevole. Ma in alternativa va benissimo anche la vecchia cyclette della zia, sepolta in cantina.

A questo punto alla prima occasione è possibile partire per la sgambatina. Partire virtualmente, è ovvio, poiché il rapporto spazio temporale sarà magicamente infranto, conterà solo il tempo trascorso insieme in sella. Senza muoversi dal salotto o dal terrazzo, in un’ora lui potrà percorrere 40 km e lei accontentarsi di 15, ma la condivisione di un’esperienza che fino a ieri generava distacco avrà effetti inaspettati. A cominciare da un massaggio per rigenerare le zone intorpidite dal movimento inusuale.

Articoli BY:

valerioboni@coppiaperfetta.it

Sempre in moto, nel senso di movimento ma anche di veicolo motorizzato a due ruote, dal 1977. In oltre 40 anni ha percorso più volte il giro del mondo per provare tutto quanto abbia le ruote e/o un motore, per raccontarlo ai lettori delle riviste per cui lavora. Nonostante abbia superato la soglia dei 60 anni ha sempre il passaporto e uno zaino pronti per ogni evenienza, che puntualmente si verifica, sotto forma di inviti, più o meno convenzionali. Ha iniziato a lavorare con macchine da scrivere e telex, ma ha saputo surfare l’onda della tecnologia, prima da giovane freelance, poi da giornalista professionista nella redazione di un grande editore, e da cinque anni nuovamente libero, anche se non più teenager. La passione di Valerio sono le moto, non importa di quale cilindrata, da 50 a 1.800 cc, tuttavia per lavoro (e per piacere) guida tutte le auto più nuove appena escono. Senza trascurare biciclette, e-bike, quad, jetsky, camion, trattori, kart, motoscafi e (perché no?) bob e...

    Leave a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *