Servire è l’arte suprema e qualsiasi palestra nasce per dare un servizio ai propri clienti. Nel fitness non esistono vie di mezzo: o ci si riesce benissimo o malissimo.

Il problema nasce da noi: cosa vorremmo trovarci dentro al cosiddetto “Wellness Pack”?

Un bel posto con tante attrezzature e operatori gentili ma semplici custodi del nostro muoverci qui e là o veri professionisti del fitness che all’occorrenza ci preparano un “Non-fat soy cappuccino” come fossimo all’Harry’s Bar?

Il dilemma è qui, ed è tutto nostro.

Perché mai avremmo preso come riferimento questo monumento dell’accoglienza italiana?

Perché all’Harry’s Bar, da quasi un secolo, tutto è curato nei dettagli ed è un mix attraverso cui il servizio d’eccellenza si mescola al prodotto eccellente.

Altezza dei tavolini, tovaglioli di lino, qualità impareggiabile degli ingredienti con cui si appronta il piatto, invito a disattivare device rumorosi come nella “carrozza silenzio” genialmente introdotta nell’alta velocità.

E questo è solo l’inizio.

In questo luogo, tutta la procedura con cui il servizio ci viene offerto, nessuna fase esclusa, è controllata quotidianamente e maniacalmente affinché nessuno dei “passaggi” possa mai incidere su un’erogazione infelice: quella che potrebbe rendere anche un solo cliente scontento.

Il sandwich proposto a temperatura non ottimale, quindi un lieve, quasi impercettibile disfunzionamento del sistema altrove, risuonerebbe qui come una gravissima stonatura nella sinfonia di un’orchestra sempre all’altezza.

Quando stiamo cercando la palestra perfetta, le direzioni che possiamo seguire sono due

Se l’obiettivo è quello della struttura, degli spazi e delle tecnologie, perché il coach siamo noi e siamo completamente autonomi nell’organizzazione degli esercizi, la palestra perfetta è quella in cui il personale potrà persino non esserci.

Ma tutto il “tangibile” dovrà essere impeccabile e dovremo pretenderlo con forza, a costo di essere pretestuosi.

Dalla cortesia dell’accoglienza alla pulizia dello spogliatoio, alla qualità delle attrezzature, al dettaglio spazio-odore-colore curato su tutta la linea.

Tutto dovrà suonare come l’orchestra al primo dell’anno.

Come verificarlo al volo? Non perdendo tempo con le trattative commerciali davanti a un ingresso palestra da banca d’affari, ma dirigendoci al volo negli spogliatoi: se troveremo docce militari e non spogliatoi paragonabili a quelli di una spa, non se ne farà nulla.

Se invece l’obiettivo è solo ed esclusivamente quello del personale, ovvero della qualità del nostro Coach, l’osservazione s’inverte.

La palestra perfetta sarà quella più vicina, dove ci arriveremo a piedi.

Spazi giusti e strapulita di default in un concentrato di affidabilità, professionalità, precisione, cortesia.

La sua missione? “Servire il fitness come arte suprema” in quarantacinque metri quadri, gli stessi su cui il primo Harry’s Bar del 1931 ha costruito i suoi successi ed è diventato patrimonio nazionale.

Roberto Romano, Brand Manager Walkstreet for fitness www.walkstreet.it

Articoli BY:

robyromano@hotmail.com

Laureato in relazioni pubbliche allo IULM, nella vita mi divido tra la scrittura di articoli di fitness come blogger e come contributor per magazine nazionali – tra cui Il Sole 24 Ore Sport, Vanity Fair, Sorrisi & Canzoni, Men’s Health e Starbene - attraverso i quali divulgo la cultura dello stare in forma, e la riorganizzazione gestionale di centri fitness e il recupero di impianti sportivi in difficoltà in qualità di gym manager. Quando ero un modello allenato e sportivo ho studiato esercizi e tecniche di allenamento che oggi costituiscono il patrimonio che trasmetto tutti i giorni ai personaggi del mondo della moda, della tv, dello spettacolo e della finanza che seguo one-to-one come coach-trainer e alle migliaia di persone che mi leggono sui magazine e sul mio sito (www.ptonline.it). La mia fitness-philosophy con le mie opinioni sull’universo fitness adesso è anche su Coppiaperfetta. Stay tuned.

    Leave a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *