“Un pizzico di gelosia può fare miracoli, due combinare un disastro”, afferma lo psichiatra e sociologo Paolo Crepet.

È proprio così, infatti. La gelosia può produrre qualche danno a volte, ma può anche essere costruttiva.
Accade quando abbiamo la capacità di indirizzare positivamente le nostre emozioni a favore della coppia. Ma come fare nel concreto?

Maggiore interesse per lui/lei

Il termine gelosia deriva dal greco e significa ”ardore” e “rivalità”.

Quando il morso di questa miscela di emozioni inizia a farsi sentire, il geloso “costruttivo” reagisce con un maggiore interesse per la dolce metà, usando anche le armi della seduzione e dell’ironia per rinsaldare l’unione.

Qualcuno corteggia il partner?

Per esempio, di fronte a qualcuno che corteggia palesemente il partner o a un suo atteggiamento ambivalente, è possibile far sentire la propria gelosia, agendo comunque a favore dell’unione.

È come dire: “Ci conosciamo bene. Dai…! Possiamo perfino riderci su..! Uniamo le forze contro il ‘nemico’”.

Mentre la persona che tenta di invadere lo spazio della coppia viene “invitata” a girare al largo anche con sguardi e comportamenti decisamente freddi.

Chi sta ricevendo le avance da parte del terzo incomodo può sentire il fascino di questo approccio appassionato e amorevole, e collaborare per rafforzare la relazione di coppia.

Riconoscere la propria gelosia

Gestire la propria gelosia non è sempre impresa facile (spesso la gelosia è fonte di grande sofferenza).

Ma è possibile a patto di compiere un primo importante passo: ammettere di essere gelosi, essere consapevoli dei propri stati d’animo.

Osservare quello che può apparire come un proprio difetto, ma può anche essere una risorsa per rinforzare la relazione di coppia.

Guardare in faccia la propria gelosia significa lavorare sulle proprie insicurezze.

La gelosia è il timore di rimanere soli”, ci dice lo psichiatra e poeta Vittorino Andreoli.

Niente paragoni con altre persone

Siamo gelosi? Va bene così!

Basta con i paragoni con altre persone. Sospendiamo i giudizio e le critiche auto-svalutanti.

Rimaniamo con i piedi per terra, evitando di fantasticare su ipotetici “pretendenti” che magari non esistono.

E se fosse la gelosia che mi fa vedere cose che esistono soltanto nella mia mente”, canta Laura Pausini in “Benedetta passione”.

La fiducia come ingrediente di base

La fiducia è l’elemento base quando sentiamo ribollire dentro questa miscela di emozioni. Lasciamo al partner tutto lo spazio possibile.

Apriamoci. Confrontarsi costantemente col partner è fondamentale. Anche se è difficile, e in alcuni casi imbarazzante parlare di questo problema con la persona che amiamo, serve a farci capire l’origine delle insicurezze.

È utile per immaginare insieme rimedi e soluzioni concrete. Tutto ciò rafforza l’intesa del rapporto. Ciascuno di noi è unico in questo Pianeta!

Siamo unici anche per la persona che amiamo e che si trova accanto a noi.

Articoli BY:

abarbangelo@tiscali.it

Giornalista e web writer. Antonio Barbangelo vive e lavora a Milano, ama il mare e i profumi delle colline toscane. Giornalista professionista dal 1989, scrive di economia, marketing, comunicazione, psicologia. Impara il “mestieraccio” parlando di ambiente in una radio privata e collaborando col settimanale Il Mondo (Rizzoli); poi lavora nelle redazioni di GenteMoney, BancaFinanza, ItaliaOggi, L’Impresa. Si è occupato di editing e ghostwriting per banche e compagnie assicurative; nel 2009 ha scritto Pausa Caffè (Egea Editore), un libro sul mondo della distribuzione automatica. Ascolto e curiosità sono i suoi ferri del mestiere preferiti. Negli ultimi anni si è fatto catturare dalla passione per diari e autobiografie, con la complicità del prof. Duccio Demetrio, fondatore della LUA, la Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari (Arezzo).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *