Desideriamo rilassarci, mollare i pensieri che girano in testa? E vogliamo anche fare nuove conoscenze in un piccolo gruppo di uomini e donne che, come noi, cercano il benessere psicofisico? Possiamo praticare la Bioenergetica. E’ un’esperienza che fa “sentire” il nostro corpo più fluido e ben radicato nel presente.

Con la Bioenergetica si “lavora” in gruppo: 8 – 12 persone, per un’ora e mezza circa, una volta alla settimana; è possibile provare per due o tre mesi, poi decidere se proseguire o meno. Siamo in un ambiente protetto, dove possiamo esprimere le nostre emozioni. Le regole base? Niente giudizio, reciproco rispetto, riservatezza.

In genere nei gruppi le donne sono più numerose. Chi conduce è psicoterapeuta o psicologo con apposita formazione triennale in Bioenergetica presso l’Ipso (Istituto di Psicologia Somatorelazionale), di Milano o la Siab (Società Italiana di Analisi Bioenergetica), di Roma. Troviamo conduttori qualificati in tutte le principali città italiane.

L’architrave di questa pratica è costituita dal fatto che i nostri blocchi psicologici producono tensioni e blocchi muscolari. Grazie agli esercizi bioenergetici possiamo sciogliere – passo dopo passo – i nostri nodi emotivi ed essere più vitali, amare di più il nostro corpo, lasciare che sia coccolato da chi amiamo.

Cosa accade durante le sessioni di gruppo (chiamate “classi”)? Non mancano i momenti giocosi; muoviamo il corpo e sentiamo piacevolmente il nostro respiro, sperimentiamo che “esprimere” può essere liberatorio. Possiamo usare la voce, magari con dei “NO” ad alto volume, come non avevamo mai osato fare prima. Nessun esercizio è obbligatorio: in Bioenergetica l’autoregolazione è importante. Come nella vita. Si lavora anche sul contatto dei piedi col terreno, perché quando abbiamo “i piedi per terra” sentiamo maggiormente il nostro potere personale.

Poi ci sono le condivisioni: siamo seduti ed esprimiamo in parole ciò che stiamo provando, con tutto il gruppo; oppure in due, mentre ci guardiamo negli occhi. Cosa accade se mi trovo davanti a lui / lei? C’è vergogna? Attrazione? Attimi intensi. Possiamo imparare molto, perché poi fuori c’è la vita vera.

Alexander Lowen

Alexander Lowen, il medico e psicoterapeuta americano padre della Bioenergetica, ha scritto:

Se siamo in contatto con i desideri e i bisogni del nostro corpo, conosciamo i bisogni e i desideri altrui; al contrario, se non siamo in contatto con il nostro corpo non siamo nemmeno in contatto con la vita”

Possiamo fidarci: Lowen è scomparso nel 2008 alla bella età di 98 anni!

Per avere informazioni su come praticare Bioenergetica: www.biosofia.itwww.siab-online.itwww.bioenergeticamilano.ithttps://iifaab.org – https://nicolettacinotti.net

Articoli BY:

abarbangelo@tiscali.it

Giornalista e web writer. Antonio Barbangelo vive e lavora a Milano, ama il mare e i profumi delle colline toscane. Giornalista professionista dal 1989, scrive di economia, marketing, comunicazione, psicologia. Impara il “mestieraccio” parlando di ambiente in una radio privata e collaborando col settimanale Il Mondo (Rizzoli); poi lavora nelle redazioni di GenteMoney, BancaFinanza, ItaliaOggi, L’Impresa. Si è occupato di editing e ghostwriting per banche e compagnie assicurative; nel 2009 ha scritto Pausa Caffè (Egea Editore), un libro sul mondo della distribuzione automatica. Ascolto e curiosità sono i suoi ferri del mestiere preferiti. Negli ultimi anni si è fatto catturare dalla passione per diari e autobiografie, con la complicità del prof. Duccio Demetrio, fondatore della LUA, la Libera Università dell’Autobiografia di Anghiari (Arezzo).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *