Food

Cibus 104, a Milano

Il 18  marzo prossimo compie 7 anni il Cibus 104, bistrot e lounge cafè milanese con dehors invernale e ampio giardino ricavato da un innovativo spazio post-industriale, con 600 mq suddivisi in due sale e un gradevole spazio esterno.

Nella pausa pranzo è sempre affollato dagli impiegati degli uffici vicini e professionisti. La sera cambia atmosfera e apre solo il giovedì, venerdì, sabato dalle 19. Forse estenderà l’apertura anche la domenica.

All’ingresso il bancone del bar che si affaccia direttamente anche sull’ampio dehors, accoglie i clienti con il profumo delle brioches calde il mattino e la presenza dei barmen in piena attività di sera.

All’interno si rimane subito colpiti dallo sfondo del primo salone, con un’enorme parete di ferro e vetro che permette di osservare una cucina a vista davvero all’avanguardia, dove i cuochi sono al lavoro per proporre piatti della tradizionale cucina italiana, con ingredienti provenienti da produttori biologici, tutti freschi e di stagione; di qualità, dunque, ma anche stuzzicanti. Come le pizze frizze per l’aperitivo, ad esempio, da me gustate venerdì 18 ottobre in veranda, nel cosiddetto dehors invernale.

Un piccolo spazio a ridosso dell’entrata, dall’atmosfera calda e avvolgente. Ideale per conquistare una ragazza al primo appuntamento, a lume di candela. La scelta dei vini, bianchi, rossi, bollicine, non è molto ampia ma ben selezionata. Io ho gustato un buon Chianti Classico, la mia accompagnatrice, un Nero d’Avola interessante. Non male anche le birre artigianali. Una pizza frizza (fritta) era condita con bufala e pomodorini, l’altra con il prosciutto crudo. L’atmosfera sembra un po’ retrò per certi versi, ma è comunque fiabesca.

La formula dell’aperitivo è un po’ cambiata, come usa da un po’ di tempo a Milano. E c’è da stare attenti se non si vuole spendere troppo. Fino a un anno e mezzo fa, infatti, si entrava e beveva un drink e saziava a volontà con 10 euro, con il buffet imbandito all’interno di fronte al banco bar.

Ora sulla vetrata dell’ingresso c’è scritto “aperitivo o hamburger”. Di fatto si paga il coperto e la pizza frizza e l’hamburger a parte e altri stuzzichini presenti nel menu. A tutti gli effetti è dunque un’offerta serale di ristorazione “camuffata” da aperitivo. E non pochi titolari di locali meneghini stanno andando in questa direzione, spinti dall’esigenza di contenere i costi, aumentare i margini e, magari, andare incontro anche alle esigenze mutate della clientela.

Cibus 104, via Ripamonti 104, Milano,
Sito Web

  • Articoli Recenti
Autore, Giornalista Freelance
Alessandro Luongo è nato a Taranto il 12 luglio 1962. Si laurea in Filosofia con orientamento psicologico alla Statale di Milano, dove inizia a tracciare la sua teoria del “pensiero motorio”. Lavora come giornalista per i principali gruppi editoriali nazionali (Rizzoli, Mondadori), scrive in particolare per il Corriere della Sera e vanta un’esperienza come autore televisivo in due produzione Rai2, di cui una realizzata in Arizona, nel 2006. E’ single, ma spera di trovare l’anima gemella con Coppiaperfetta.it.
follow me

Commenti