Gourmet, vegano, esotico e persino reinterpretato all’italiana (per la ricetta, per gli ingredienti e persino per i nomi).

Ma il più trendy, a sorpresa, è di tonno.

Altro che junk food, il burger nelle sue ultime declinazioni è un cibo semplice ma raffinato, che può sedurre anche i palati più sofisticati.

Ed è sexy, perché addentare un succulento panino dimostra una certa self-confidence a tavola e, dettaglio non irrilevante se si tratta di un meal di coppia, crea subito un’atmosfera gioiosa e disinvolta.

Il burger di tonno è anche la prima ricetta della nuova rubrica dietetica che ho introdotto sul mio blog.

Facile, veloce da preparare e a basso contenuto calorico, il tuna burger è buonissimo dentro il panino, ma sfizioso anche da mangiare senza carboidrati se hai previsto una cena leggera a casa o sul terrazzo.

E tanti in versione mignon sono gli small bites più estivi per accompagnare un aperitivo dal tramonto in poi.

La lista della spesa

  • 200 gr di tonno al naturale
  • 30 gr di pangrattato
  • 30 gr di parmigiano grattugiato
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • prezzemolo q. b.
  • sale q.b.

Ai fornelli

Sgocciola il tonno, mettilo in una ciotola, unisci il pangrattato, il parmigiano grattugiato, l’uovo, il prezzemolo tritato, il sale, l’olio.

Mescola tutto con una forchetta fino a ottenere un impasto morbido ma compatto.

Con le mani forma palline e poi schiacciale un po’. Inforna i tuoi tuna burger per 30 minuti a 220° in forno statico.

Se invece non vuoi badare alle calorie, per renderli più gustosi, impanali in questo ordine: nella farina, nell’uovo sbattuto e nel pangrattato, poi friggili in padella.

Se decidi di mangiarli alla maniera tradizionale, scegli panini mobidi, dividili a metà, tostali velocemente su una griglia o su una padella antiaderente.

Impiattali appoggiando su una metà un po’ di maionese, una foglia di lattuga lavata e asciugata, una fetta di pomodoro, e alla fine il burger.

Lascia l’altro mezzo panino di fianco per chiudere il burger all’ultimo minuto. Idee per il contorno: insalatina verde, avocado tagliato a fettine, cetriolini, cipolla fresca o caramellata, patatine fritte o al forno.

Segui Barbara sulla sua pagina Facebook: tuttoconditoconamore

Articoli BY:

lababibionda@gmail.com

Barbara Dimasi, detta Babi, chef per passione e autrice del blog di ricette “Tutto condito con amore”. Nata a Borgio Verezzi, incantevole paesino ligure, è laureata in Marketing e comunicazione, parla cinque lingue e, pure essendo un’instancabile globettrotter e parte della famiglia a Melbourne, in Australia, come punto fermo nel mondo ha scelto Milano. Cresciuta a pane e cibo sano, ha ereditato la passione per la cucina da nonne, padre e madre. A 7 anni ha preparato la sua prima ghiottoneria: fagiolini al sugo, un must dei racconti di famiglia perché, nonostante non li avesse fatti bollire, i suoi genitori li avevano mangiati fingendo che fossero il cibo degli dei! Oggi si divide tra un lavoro impegnativo che adora e la grande passione per la cucina che occupa gran parte del suo tempo libero. Le piace condividere le sue creazioni ai fornelli con i suoi amici e ovviamente con suo marito che è la sua adorata “cavia”. (PS Lui apprezza questa divisione di ruoli).

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *