Benessere

Borgo Scopeto, ideale anche per le nozze

Il luogo ideale per rilassarsi, un posto da fiaba, al di fuori del tempo, dove essere coccolati sin dal primo momento.

Circondato da 400 ettari di bosco e immerso in panorama di rara bellezza, Borgo Scopeto, con le sue origini trecentesche, è un relais de charme a 10 km da Siena, in Toscana.

Elisabetta Gnudi è la proprietaria di questa meravigliosa dimora (acquistata nel 1997), un albergo diffuso di lusso scelto dal regista Gary Winick come ambientazione di parte del suo film “Letters to Juliet”, con Amanda Seyfried, Vanessa Redgrave e Franco Nero. E c’è di più. Nel novembre 2018, durante la tradizionale cena di gala annuale svoltasi al The May Fair Hotel di Londra, Condé Nast Johansens nel celebrare i vincitori degli “Uk, Europe & Mediterranean Awards for Excellence 2019” – gli ambiti premi che l’importante guida assegna ai migliori alberghi del mondo- ha riconosciuto Borgo Scopeto Relais al vertice della categoria “Best for Weddings, Parties & Special Occasions”.

Non a caso, il fine restauro conservativo, seguito in prima persona dalla padrona di casa in ogni particolare, dalle stanze fino agli spazi comuni e durato cinque anni, ha preservato l’eleganza naturale degli ambienti trecenteschi: ognuna delle 58 camere è difatti diversa dalle altre. In pratica, un piccolo gioiello dotato di ogni comodità e di arredi che non si scontrano con lo stile del borgo, integrandosi pienamente con la generale e spettacolare evocazione del passato.

Alcune hanno un ingresso indipendente e si affacciano direttamente sui giardini, altre godono della vista sulla placida campagna senese, altre ancora occhieggiano su alcuni scorci caratteristici del villaggio, regalando la sensazione di essere avvolti da un paesaggio millenario.

I materiali utilizzati per le rifiniture di tutto l’edificio sono pregiati e selezionati: pietra, cotto, marmo, travertino, legno delle travi a vista.

L’antica cantina ospita il delizioso ristorante “La Tinaia”, in cui ogni particolare evoca un’atmosfera da favola romantica e dove gustare tutta la genuinità della cucina locale e regionale, rivisitata con creatività e originalità nell’accostamento dei sapori dallo straordinario chef Angelo Maucione.

Non mancano il centro benessere e la Spa, ricavati nelle antiche scuderie del Borgo. Eleganti e intimi, sono studiati per avvolgere gli ospiti in un’atmosfera incantata. Immancabile la pratica della vino terapia: dai vigneti e dai boschi provengono le basi della linea cosmetica “uva e cipresso Borgo Scopeto Relax” che celebra l’uva come elisir di bellezza. Consigliato un massaggio decontratturante con Consuelo, che vi scioglierà le tensioni accumulate con lo stress.

Il relais è provvisto anche di due sale meeting, sala fitness, parco con due piscine e altrettanti campi da tennis. La Tenuta è infine impreziosita da un incantevole Roccolo, il giardino settecentesco, un tempo dedicato alla nobile arte della falconeria e ornato da querce nane secolari e piante rare. Tutto il Borgo inneggia comunque all’armonia tra uomo e natura, offrendo ai propri ospiti la possibilità di recuperare un’autenticità altrove scomparsa. www.borgoscopetorelais.it.

  • Articoli Recenti
Autore, Giornalista Freelance
Alessandro Luongo è nato a Taranto il 12 luglio 1962. Si laurea in Filosofia con orientamento psicologico alla Statale di Milano, dove inizia a tracciare la sua teoria del “pensiero motorio”. Lavora come giornalista per i principali gruppi editoriali nazionali (Rizzoli, Mondadori), scrive in particolare per il Corriere della Sera e vanta un’esperienza come autore televisivo in due produzione Rai2, di cui una realizzata in Arizona, nel 2006. E’ single, ma spera di trovare l’anima gemella con Coppiaperfetta.it.
follow me

Commenti