Quanto tempo ci vuole per innamorarsi? E potrebbe mai una bella donna cadere ai piedi di un timidone impacciato? E una volta conquistata la donna dei sogni, come fare per tenerla stretta? Le regole dell’attrazione secondo Giampaolo Morelli nel suo film “7 ore per farti innamorare” (on demand), il suo primo film da regista, uscito in streaming causa pandemia. Una commedia romantica che esplora il grande mistero dell’innamoramento, l’ardua e sorprendente ricerca del perfect match e l’inestricabile universo dei sentimenti. Ce lo racconta proprio Morelli.

Com’è nata l’idea di raccontare una storia che ruota intorno a un corso di “rimorchio”?
Anni fa su internet mi sono imbattuto in un corso di rimorchio. Pensavo che non si potesse insegnare come far colpo su una donna, invece ho scoperto che esiste una rete internazionale di gente che si scambia consigli. Incuriosito, ho contattato dei guru italiani che hanno accettato di farsi microfonare ed essere ripresi in azione da lontano. Tutti i trucchi funzionavano! Gli alunni dei guru sono persone colte, sensibili, ma timide. Così è nata l’idea di unire le lezioni di rimorchio con una storia romantica. Poi scoperto che in Inghilterra a dare consigli di conquista è una donna. Chi meglio di una donna può sapere come conquistarne una! Nel film parliamo di tecniche di rimorchio e seduzione che sono regole che funzionano, si basano su differenze biologiche uomo/donna. Naturalmente l’amore può avvenire anche in un istante, il famoso colpo di fulmine!

Quale tecnica di seduzione ti ha più colpito?
Le strategie mostrate nel film riguardano di più l’approccio: la frecciatina acida come commento non offensivo a chi si atteggia, o tecniche di lei per far scendere lui dal piedistallo, come avere del prezzemolo tra i denti, che non è un’offesa ma destabilizza. Una cosa a cui bisogna stare attenti è il test dello “zerbino”. Tutti ci siamo caduti o lo abbiamo fatto: quando mandi sms “che fai stasera?” e ti risponde “io niente sono libero, vediamoci!” e scrivi “no io sono già a letto, era solo per sapere come stavi e che facevi”. Sono quei messaggini che mandi per vedere se l’altra persona è sempre lì attaccata all’amo. Non bisogna cadere nel test dello zerbino!

Con le restrizioni e il distanziamento sociale a causa del Covid-19 si può “rimorchiare” solo online per ora.
Il rimorchio online è uguale al rimorchio dal vivo. Se sei asfissiante nella vita, lo sei anche online, magari è più facile via social fare il primo passo, ma prima o poi queste persone le devi affrontare anche dal vivo. Ora è il tempo della semina, appena passa la pandemia quello degli incontri live!

La trama
Valeria (Serena Rossi), donna avvenente e dal carattere deciso ma da sempre disillusa sull’amore, è un’implacabile maestra di rimorchio per uomini single ai quali insegna l’arte della seduzione, convinta che le relazioni fra le persone siano mosse da semplici stimoli biologici. Giulio (Giampaolo Morelli) è un giornalista di economia, uomo serio e po’ prevedibile, convinto invece che in amore non si possano attuare delle strategie. Quando, a un passo dalle nozze, la fidanzata Giorgia (Diana Del Bufalo) lo lascia per il suo capo Alfonso (Massimiliano Gallo), Giulio si ritrova scalfito nelle sue granitiche certezze, senza donna e senza lavoro. Deciso a riconquistare la sua ex andrà a lezione da Valeria, ma uno dei due dovrà cambiare idea. Perché innamorarsi è una scienza esatta o un mistero senza regole?

Articoli BY:

paolatrotta@yahoo.it

Giornalista di Lecce, romana d’adozione. Dopo la Laurea in Lettere e Filosofia indirizzo Dams all’Università di Bologna nel 2001, inizia la sua esperienza ventennale nel campo del giornalismo e della comunicazione, cartacea, Tv e web (settori: musica, Tv, cinema, spettacolo, turismo/viaggi, beni culturali, arte, architettura, design, food&wine, moda, life style, benessere, attualità, istituzionale) che sono le sue passioni della vita da sempre. Da programmi Tv a Mediaset è approdata ai giornali cartacei come Corriere della Sera/Corriere del Mezzogiorno, Quotidiano di Puglia, OffIlGiornale, a riviste come Diva e Donna, Lei Style, Ora magazine, Settimanale Voi. Uno dei suoi settori di punta è il turismo, con una specializzazione universitaria ad hoc, che l’ha portata a collaborare con Assessorati al Turismo di Enti Pubblici, e scrive per "TTG Italia" agenzia di stampa turismo (Italian Exhibition Group Spa - Fiera Di Rimini), Hotelmag e Turismo d'Italia di Federalberghi.

    Leave a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *